Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Procedendo ad utilizzare il sito, anche rimanendo in questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

25 May, 2019

imageSeguici su:

Organi Collegiali 

 - Collegio Docenti

È presieduto dal Dirigente Scolastico ed è composto da tutti i docenti di ruolo e non di ruolo.
Ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico dell’Istituto.
Si articola in commissioni e gruppi di lavoro che elaborano proposte e progetti sui vari aspetti ed attività della vita scolastica.

-   Gruppo di lavoro dell’Istituto per l’integrazione degli alunni diversamente abili

È presieduto dal Dirigente Scolastico ed è composto da un genitore, un docente curricolare, tre docenti specializzati e da un operatore dell’ASL.
Si riunisce per:

  • Organizzare le attività di accoglienza
  • Proporre iniziative che favoriscano l’integrazione

-  Consiglio di Istituto

È presieduto da un genitore ed è composto da 19 componenti: Dirigente Scolastico, 8 docenti, 2 personale ATA e 8 genitori eletti dalle rispettive componenti. È un organo di durata triennale.

Fatte salve le competenze proprie del Dirigente Scolastico e del Collegio dei Docenti, il Consiglio di Istituto:

  • adotta il POF

ha potere deliberante in materia di:

  • Conto annuale e Conto consuntivo;
  • impiego dei mezzi finanziari per quanto concerne il funzionamento amministrativo e didattico;
  • l’adozione del regolamento interno (uso delle attrezzature culturali, didattiche e sportive, vigilanza alunni);
  • accettazione o rinuncia di donazioni;
  • acquisto, rinnovo, conservazione delle attrezzature tecnico-scientifiche, multimediali, delle dotazioni librarie, del materiale di consumo occorrenti per le esercitazioni;
  • adattamento del calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali;
  • criteri per la programmazione e l’attuazione delle attività extracurricolari, con particolare riguardo alle attività complementari, alle visite guidate e ai viaggi d’istruzione;
  • promozione di contatti con altre scuole al fine di realizzare scambi di informazioni, di esperienze e di intraprendere iniziative di collaborazione;
  • partecipazione ad attività culturali sportive e ricreative;
  • forme e modalità per lo svolgimento di attività assistenziali.

-   Consiglio di Interclasse Plenaria nella Scuola Primaria
    Consiglio di Classe nella Scuola Secondaria di I°Grado

Sono presieduti dal Dirigente Scolastico oppure da un docente membro del Consiglio, suo delegato. Sono costituiti da:

  1. il Consiglio di Interclasse della scuola Primaria, dai docenti del Plesso e, per ciascuna delle classi interessate, da un rappresentante eletto dai genitori degli alunni iscritti.
  2. Il Consiglio di Classe delle Scuole Secondaria di I Grado, dai docenti di ogni singola classe e da quattro rappresentanti eletti dai genitori degli alunni iscritti nella classe

Fanno parte dei Consigli di Interclasse e di Classe anche i Docenti di sostegno, che sono contitolari delle classi interessate. Entrambi i Consigli:

   -  si riuniscono in ore non coincidenti con l’orario delle lezioni col compito di:

  • formulare al Collegio Docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e ad iniziative di sperimentazione
  • agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni.

  - con la sola presenza dei docenti, esplicitano le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari e alla valutazione periodica e finale degli alunni

Entrambi i Consigli sono organi di durata annuale.
I rappresentanti dei genitori possono dare vita ad un Comitato dei Genitori dell’Istituto.

Modalità per Assemblee

I genitori hanno diritto di riunirsi in assemblea nei locali della scuola; le assemblee possono essere:

- di classe;

- della scuola;

- d’Istituto

La richiesta di assemblea va indirizzata al Dirigente Scolastico, precisando l’ordine del giorno, la data e l’orario dell’incontro.
Ottenuta l’autorizzazione, i genitori promotori ne danno comunicazione ai genitori interessati, mediante avviso scritto e affissione all’albo.
All’assemblea possono partecipare, con diritto di parola, il Dirigente Scolastico e gli insegnanti interessati.